Thor (mitologia norenna)

 Thor Dio del tuono e del fulmine. Nella mitologia norrena, Thor viene definito come il Dio degli uomini, colui che soccorre e aiuta gli umani. Nonostante sia figlio di Odino, re degli Dei, esso venne adorato più del padre stesso. La sua dimora era Ásgarðr, dimora di tutti gli Æsir (Dei signori assoluti dei cieli). Esso era anche il più forte di questi ultimi. La madre era Jörð, mentre la moglie si chiamava Sif. Di lei non si sa quasi niente oltre al fatto che avesse i capelli d’oro fategli dai nani dopo che il Dio Loki (definito in alcune leggende compagno di “avventure” di Odino e lo stesso thor) gli e li aveva tagliati. Con Sif il Dio del tuono ebbe due figli Þrúðr e Móði poi un figliastro di nome Ullr (figlio solamente di Sif) e, Magni avuto con Járnsaxa. L’arma leggendaria con la quale esso sconfiggeva i giganti era il suo martello, Mjöllnir. Oltre a quello portava con se una cintura che lo rendeva quasi invincibile, e dei guanti di ferro. Il suo mezzo di trasporto era un carro trainato da due capre di nome Tanngnjóstr e Tanngrisnir. La particolarità di questi due animali consisteva nella resurrezione in quanto, quando il Dio partiva per dei viaggi e, non aveva cibo, mangiava queste due capre la notte lasciando le ossa e la pelle il ché avrebbe fatto si che l’indomani mattino esse resuscitassero.

 

3ff4a07c1a367e8fad74c51ef60317dd.jpg
Thor (mitologia norenna)ultima modifica: 2008-03-01T11:50:00+01:00da akira_phoenix
Reposta per primo quest’articolo